Bologna, Paladozza: 10-11-1998

 

 

invito trasmissione live per Rai 10-11-1999 (a cura di Davide di Mantova)

 

From the official website vascorossi.com (1998):

Vasco sbanca Taratata.

Un pubblico cosi' caldo e numeroso non si era mai visto al Paladozza durante la registrazione dei concerti live che Rai 1 manda in onda la domenica successiva. E in questa serata l'atmosfera era davvero particolare. Spalti gremiti, platea piena di amici e fans, e un Vasco in grandissima forma per tutti i 70 minuti di registrazione. Insieme alla band che nel giugno scorso si e' esibita sul palco dell'autodromo di Imola (unica novita' Celso Valli alle tastiere) Vasco ha conquistato il pubblico cantando 6 pezzi, uno dei quali insieme al suo grande amico Gaetano Curreri.

Insieme ai due cantanti emiliani, a Taratata c'era anche Elvis Costello. L'artista inglese non ha duettato con Vasco ma si e' esibito in due pezzi applauditissimi. La registrazione della trasmissione, che andra' in onda la sera del 15 novembre, non si e' conclusa dopo i 6 pezzi che andranno in onda, inaugurati da "Gli spari sopra", poiche' Vasco si e' esibito in altri due pezzi storici, "Mi si escludeva" e "Albachiara", che verranno proposti al pubblico in uno speciale che Rai 1 sta preparando.

Sul palco a presentare gli artisti il giovane Enrico Silvestrini che ha definito Vasco Rossi come il "Poeta metropolitano" del nostro rock. Nelle prossime pagine, vi offriamo in anteprima alcune immagini dello spettacolo, al quale hanno potuto assistere anche 150 soci del Fans Club,"Il Blasco" che aveva prenotato per loro alcuni posti sulle tribune del Paladozza.

La cronaca, dunque:
lo spettacolo e' iniziato alle 21 precise e si e' aperto con "Gli spari sopra", hit dell'omonimo Lp uscito nel '93. A seguire una delle traccie piu' ascoltate dell'ultimo album: "Io no". A questo punto lo stesso Vasco ha salutato l'ingresso sul parquet del Palasport bolognese del leader degli Stadio, Gaetano Curreri col quale ha cantato un vecchio e amatissimo pezzo, "La faccia delle donne". Breve pausa per l'intervista e i due amici, Vasco e Gaetano, raccontano la storia di questa canzone, che parla di due personaggi con due caratteri diversi ma accomunati dalla passione per le donne.

"Quando Vasco non era ancora una star ma gia' faceva impazzire le ragazze a me non rimaneva che adottare una tattica: quella dell'innamorato! E la canzone -- spiega Curreri -- racconta proprio questo." "Ma quali sono i gradini che hai scalato e che ti hanno fatto diventare una grande star ?", chiede Silvestrini a Vasco. "Gradini con degli alti e dei bassi Io sono partito come cantautore, poi ho cercato un nuovo linguaggio usando pero' la band, il rock. Da questa combinazione, rock e testi testi veri, di quelli che escono fuori dallo stomaco, ma con un senso e poi ho cercato di sintetizzare immagini e sensazioni perchŔ la gente poi non ha tutto il tempo di star lý ad ascoltare e quindi Vado al massimo, Vado al massimo, Vado al massimo vado a gonfie vele!!!."

Infine la domanda dei giornalisti di radiodue. "Vasco dopo la data unica del concerto di Imola, quando torni a fare la tourne'?" "Non vedo l'ora di ricominciare --risponde Vasco facendo esplodere d╠entusiasmo il Paladozza--. Aspetto con ansia la fine dell'anno...

" Lo spettacolo e' ripreso con Elvis Costello e poi di nuovo Vasco, con Quantianni hai Sally e Siamo solo noi. Sono le 22.00 ma lo spettacolo non finisce qui, come detto Vasco cantera' ancora due canzoni

 

Bootleg

The show has been broadcasted on italian
tv station RaiUno. So quality is superb.

CD (28m38)

TARATATA' :
Gli spari sopra
Io No
La faccia delle donne
Quanti anni hai
Sally
Siamo solo noi

 

 

External link Bologna 1998 concert

StadioMobile