Lugo, Baccara: 04-01-1980


Il Resto del Carlino



a cura di Fabbri di Bagnara di Romagna / Imola e Davide Bellocchio di Mantova, grazie mille!!!

 

Parte della lettera di Monica

"Ho visto che quello del 4/1/1980 non é accreditato nel vostro elenco. Ricordo benissimo la data perché facevo la quarta ragioneria e il giorno dopo avevo la interrogazione di diritto, ma andai comunque a vedere Vasco. Era stato pubblicato da poco 'Albachiara' e si sentiva ripetutamente alla radio.
Ci andai col mio fidanzato di allora, con mia cugina e il suo fidanzato. Sono passati tanti anni e ho avuto un dubbio per il locale, perché nei ricordi di allora, era una sala non tanto grande, mentre il Baccara che ricordo io era molto grande, ma suppongo avessero chiuso una saletta."

"Eravamo seduti nei gradini sotto il palco e non eravamo piú di 20 persone. Ricordo che c'era una ragazza che mi era un po' antipatica perché si dava delle arie, Vasco disse che le dedicava una canzone, e cantò "Strega".
Poi cantò quella canzone che fa "e poi mi tocca una mano, dolcemente, piano piano" e che si intitola "Io non so più cosa fare", e mentre cantava si è abbassato verso di me e mi ha preso la mano.
Non sono certa della sequenza, sono passati tanti anni, forse prima ha cantato la canzone dicendo "e poi mi tocca una mano, dolcemente piano piano" e poi è andato verso l'altra ragazza, che era seduta dalla parte opposta alla mia, e le ha detto che le voleva dedicare una canzone, e ha cantato "strega".
In ogni caso ricordo che ero contentissima che mi avesse preso la mano, e altrettanto contenta che avesse dedicato "Strega" all'altra (che non conoscevo) ma che mi era stata subito antipatica, per come si comportava."

a cura di Monica Turrini di Imola, grazie mille!!!